Davide Foschi 9 febbraio 2016 – Fiera ed altera | ristorante I Malavoglia Milano

Davide Foschi

Davide Foschi

Davide Foschi 9 febbraio 2016 – Al ristorante I Malavoglia Milano una cena, una festa, un compleanno da non dimenticare, un regalo “evoluzionario”. Quello che Davide riesce a includere nel suo lavoro – in ciò che di norma viene chiamata ricerca artistica – è una straordinaria propensione alla condivisione. Cosa condivide con il mondo Davide Foschi oltre alle sue opere? (Semplicemente) una specie di affetto organizzato, un circo di emozioni che saltano da un trapezio all’altro senza rete, una giocoleria di sentimenti che vibrano in aria prima di tornare in basso e – magia /gioco – possono essere afferrati da tutti e portati come gioielli esistenziali. Fare gruppo e unire le forze è cosa che apprendono – i più fortunati – contando le rughe del volto senza distogliere lo sguardo dallo specchio ma, al contrario, dando significato a ogni “immagine di cambiamento”. Un po’ come si contano gli anelli degli alberi per coglierne l’età (e ipotizzare l’evoluzione del clima circostante), chi è capace di guardare l’essere umano in quanto tale – con tutta la sua storia personale carica di contraddizioni – carpirà il segreto dei segreti: siamo una cosa sola. In una sola casa.

…. Non voglio prendere la strada di una lunga e noiosa riflessione. Voglio dire grazie a Davide e a tutta la splendida banda di amici “metateisti” per questo epico 44esimo compleanno al ristorante I Malavoglia.

Davide ha regalato una poesia a tutti. Ecco quella che ho estratto dal mazzo e che, ora, mi appartiene …  come mie sono le rughe che vedo allo specchio. Le mie rughe. Le tue rughe. Le sue rughe. Le nostre rughe ….

…. ah, prima della poesia di Davide: queste sono alcune delle foto dei magnifici partecipanti di ieri (ne aggiungerò altre tra oggi e i prossimi giorni):

Fiera ed altera – di Davide Foschi

fiera ed altera la tua mossa misura
ogni centimetro del mondo
l’oggetto del tuo sguardo, profondo
di luce squarcia il mio
e m’annienta
eppure
le tue corde sono calme ed armoniche in me
severa d’aspetto e
miele nel cuore
il tuo mondo è completo
ma forse
c’è posto per me.
Mi sfugge la scintilla
che l’anima tua ripara
dal vento
che dal mare spira,
è fiamma ardente
o flebile fuoco che
cerca una fornace
dove splendere e divampare?
Che misteri
nascondi
remoti ricordi
che restan segreti
ed io
che maschera indosso agli occhi tuoi?
Io sono cielo
sono aria sono brezza che sfocia
in tempesta
quel ch’io sono
è questo,
fiera ed altera:
io sono il fiato che
t’alimenta le braci.

Davide Foschi
Grazie per aver condiviso il mio 44esimo compleanno,
un abbraccio evoluzionario Martedì, 9 febbraio 2016

 

Francesco Tadini

Francesco Tadini è fondatore e direttore artistico di Spazio Tadini in via Jommelli 24 a Milano. Casa Museo e archivio delle opere di Emilio Tadini, sede di mostre ed eventi. Location.

2 Risposte

  1. elisabetta ha detto:

    fantastico!

  2. Ross ha detto:

    Un Appuntamento fra Anime: memorabile!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *