Lawrence Beck al Palazzo Ducale di Sassuolo: mostra Dialogo con l’antico, Fotografie

Villa Pisani

Lawrence Beck, Villa Pisani I, 2011, Archival Inkjet Print, ed. of 5, 152.5 x 183 cm, Collezione privata, New York, Courtesy, The Artist and Sonnabend Gallery, NY

Lawrence Beck al Palazzo Ducale di Sassuolo: mostra Dialogo con l’antico, Fotografie. Dal 1 giugno 2018 al 2 settembre un’ottima ragione per visitare Sassuolo e quella che fu la residenza estiva dei duchi di Modena. L’esposizione è “ridotta” (ma non per dimensioni delle stesse!) a otto fotografie che catturano l’immobilità monumentale della memoria nelle grandi ville (come lo stesso Palazzo Ducale di Sassuolo o la Villa Pisani, a Stra, in provincia di Venezia) e la mutevolezza della natura – tradotta e disegnata in parchi e giardini.

Proprio quello dei giardini è il tema cui il fotografo Lawrence Beck si è dedicato negli ultimi cinque anni di lavoro – con dimensioni in formato gigante delle stampe e l’utilizzo del banco ottico  – e rappresenta il culmine della sua visione artistica che parte dal concetto tradizionale di fotografia come documento. In questo ciclo Beck si dedica al rapporto tra uomo e natura, concentrandosi su paesaggi in cui s’inseriscono alcuni dei capolavori più importanti dell’architettura italiana.

Palazzo Ducale di Sassuolo

Lawrence Beck, Palazzo Ducale di Sassuolo I, 2017, Archival Inkjet Print, ed. of 5, 152.5 x 183 cm, Collezione privata, New York, Courtesy, The Artist and Sonnabend Gallery

Il percorso della mostra, infatti, parte da Villa Pisani  progettata da Andrea Palladio, per poi toccare Villa Bardini di Firenze, Villa Reale di Marlia (LU), Villa Lante di Viterbo che conserva uno dei più famosi giardini manieristi del XVI secolo, la settecentesca residenza di Villa Della Porta Bozzolo alle porte di Varese, Villa Sorra di Castelfranco Emilia, significativo esempio del barocchetto emiliano, per chiudersi a Palazzo Ducale di Sassuolo con la sua facciata barocca disegnata da Bartolomeo Avanzini.

Lawrence Beck non da oggi immortala paesaggi naturali illuminati da una luce diffusa e soffice che fotografa con il metodo tradizionale della pellicola, producendo così effetti molto diversi da quelli delle istantanee digitali.

L’amore di Beck per la natura ha radici lontane e inizia con le estati passate nelle Alpi italiane, sotto le pendici del Monte Rosa. Lo scenario selvaggio delle vette innevate, dei ghiacciai, delle praterie, delle formazioni rocciose, dei fiumi e dei torrenti alpini hanno nutrito nel seno dell’artista i primi semi della sua arte. In un certo senso, I giardini italiani e tutta l’opera più recente di Beck esprime il desiderio di fuga dalle grandi città alla ricerca di un santuario naturale. Tuttavia la natura che Beck finisce per incontrare, spesso include una messa in scena calcolata e artefatta. La ricerca degli spazi aperti e selvaggi dei paesaggi alpini dell’infanzia lo conducono invece negli spazi curati e controllati dei giardini storici italiani.

Biografia in breve di Lawrence Beck

Lawrence Beck è nato a New York nel 1962 da madre immigrata italiana e padre americano. Ha trascorso le sue estati in Europa, soprattutto nell’Italia settentrionale e centrale. Fin da subito, l’arte e la fotografia hanno avuto una posizione di spicco nella vita di Beck che lo hanno portato a coltivare l’amore per la fotografia artistica lungo tutto il corso della sua carriera.

Alla fine degli anni ’70, ha iniziato a studiare fotografia alla Scarsdale High School (NY), approfondendo l’argomento lungo tutti gli anni del college, alla State University of New York a Purchase, dove si è laureato nel 1984. Il suo lavoro è stato inizialmente influenzato da maestri quali Eugene Atget, Walker Evans ed Edward Weston, di cui apprezzava la sua predilezione verso le qualità “formali” rispetto allo studio della pura fotografia documentaria.

Lawrence Beck

Lawrence Beck, Palazzo Ducale di Sassuolo III (Peschiera), 2017, Archival Inkjet Print, ed. of 5, 152.5 x 183 cm, Collezione privata, New York, Courtesy, The Artist and Sonnabend Gallery, NY

Lavorando quasi esclusivamente in bianco e nero, ai tempi del college, Beck ha iniziato a utilizzare un banco ottico e da allora ha continuato a usare una fotocamera 8 x 10” (20 x 25 cm). La combinazione tra l’uso della pellicola e le tecniche fotografiche contemporanee, come Photoshop, ha permesso a Beck di fondere insieme i diversi media e ottenere, a livello d’immagine, la massima qualità possibile.

Fin dalla sua gioventù, l’amore di Beck per la natura è stato coltivato durante i mesi estivi trascorsi nelle Alpi italiane sotto l’ombra del Monte Rosa. Le creste innevate, i ghiacciai, le praterie e le formazioni rocciose, i fiumi e i torrenti alpini hanno formato un aspro contesto naturale dove accogliere i semi cui è nata l’arte di Beck. In un certo senso, i Giardini italiani e tutti i lavori recenti del fotografo americano rappresentano il desiderio di fuggire dai confini della metropoli urbana e di cercare rifugio in un mondo più naturale.

Negli ultimi 20 anni, Beck ha esposto in numerose sedi in ogni parte del mondo e a New York collabora con la famosa Sonnabend Gallery.

 

Mostra fotografica: LAWRENCE BECK. Dialogo con l’antico. Fotografie

Sassuolo (MO), Palazzo Ducale (piazzale della Rosa)

1 giugno – 2 settembre 2018

Orari: martedì-domenica, 10.00-13.00; 15.00-19.00

chiuso lunedì non festivo

Biglietti (Galleria Estense + mostra): Intero, €6,00; ridotto, €3,00

Informazioni: Urp Ufficio Relazioni con il pubblico, T. 0536.880801; urp@comune.sassuolo.mo.it

Biglietteria Palazzo Ducale: T. 389.2673365

Ufficio stampa – CLP Relazioni Pubbliche, che ringrazio per le immagini.

Francesco Tadini – vedi LINK – ha fondato PhotoMilano club fotografico milanese, con sede in via Niccolò Jommelli 24 a Milano (vedi MAPPA) e amministratore del sito e del gruppo Facebook. Tadini, con la giornalista Melina Scalise, è titolare della Casa Museo Spazio Tadini che da quasi tredici anni anni promuove mostre, spettacoli e presentazioni culturali.

Francesco Tadini

Francesco Tadini è fondatore e direttore artistico di Spazio Tadini in via Jommelli 24 a Milano. Casa Museo e archivio delle opere di Emilio Tadini, sede di mostre ed eventi. Location.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *